Sandhausen-St Pauli 1-1: così fa male. Pareggio che sa di sconfitta

16.04.2022 21:45 di Stefano Severi Twitter:    vedi letture
Sandhausen-St Pauli 1-1: così fa male. Pareggio che sa di sconfitta
© foto di FCSP

Immaginate di vincere 1-0 fino al 90'. Di essere andati in vantaggio con un calcio di rigore trasformato dal vostro bomber, quel Guido Burgstaller tornato al gol dopo tanto tempo, e di essere arrivati praticamente alla fine. State giocando contro la quartultima del campionato, che è quasi salva ma non ancora matematicamente, ma che nel girone di ritorno ha dato filo da torcere a tutte le big.

Soprattutto per la seconda volta in quattro partite state mantenendo la porta inviolata. Fatto rarissimo in questa stagione a St Pauli: grande attacco ma evidenti lacune in difesa. Con Heidenheim in casa era finita 1-0 lo scorso 19 marzo mentre per trovare un altro zero nella casella dei gol subiti bisognava tornare ad ottobre 2021.

Insomma, al 90' di Sandhausen-St Pauli uno poteva pensare che le cose stessero davvero cambiando: se Timo Schultz avesse davvero risolto almeno una parte dei problemi difensivi i pirati avrebbero avuto significative possibilità di restare in corsa fino alla fine per la lotta salvezza.

E invece... il St Pauli lascia una palla vagante sulla linea laterale e in qualche modo finisce per subire calcio d'angolo. Minuti 91: si dorme sul calcio d'angolo e le speranze del St Pauli di poter aspirare ad un posto in Bundesliga il prossimo anno scendono almeno del 50%. In un solo maledettissimo minuto. Il lavoro di tutta una partita è rovinato, in attesa di vedere cosa combinarenno domani le dirette avversarie.

Non è una buona Pasqua (e ironicamente non lo fu nemmeno un anno qua, quando il Sandhausen ci battè in casa nel venerdì santo). Un pareggio così fa arrabbiare, molto arrabbiare.

Vota il migliore in campo. Rico Benatelli, Leart Paqarada o Marcel Hartel. Scegli il tuo migliore in campo votando nella colonna di sinsitra del sito o cliccando qui.