St Pauli-Norimberga 3-2: intanto abbiamo vinto, al resto penseremo poi

16.07.2022 20:15 di Stefano Severi Twitter:    vedi letture
St Pauli-Norimberga 3-2: intanto abbiamo vinto, al resto penseremo poi

"Abbiamo raccolto i primi tre punti": sta tutto qui, nel commento di Timo Schultz a fine partita, il riassunto di una giornata dalle forti emozioni. Il St Pauli ricomincia il campionato dopo un mercato all'insegna delle tante uscite e dai pochi arrivi e lo fa affrontando una delle favorite del campionato, il Norimberga. Il titolo di favorita deve portare anche un po' sfortuna, visto che anche l'Hannover, prossima avversaria dei pirati, è caduta 2-1 all'esordio a Kaiserlautern: ora speriamo che anche la terza favorita, biancoblu e di base ad Amburgo, segua lo stesso destino contro il Braunschweig.

Torniamo a noi: Millerntor di nuovo tutto esaurito. Bello, anzi bellissimo, iniziare un campionato così, con oltre 28mila spettatori sugli spalti. Il Corona non è ancora alle spalle ma l'epoca delle grandi restrizioni probabilmente sì. La formazione iniziale è la stessa di sabato scorso in Val Passiria contro NK Istra: in porta Smarsch, poi Saliakas a destra e Paqarada a sinistra con al centro della difesa Dzwigala  e Medica: a centrocampo Smith, Irvine, Hartel e Daschner e in attacco Matanovic ed Eggstein.

Partono forti gli ospiti che creano in avvio subito due occasioni per passare in vantaggio, quindi emerge capitan Paqarada: il kosovaro, da quest'anno con la fascia al braccio, lascia partire un cross perfetto per la testa dell'australiano Irvine che porta in vantaggio i pirati (24'). Il St Pauli a questo punto prende fiducia, conquista campo e si guadagna un calcio di rigore: al 37' sul dischetto si presenta Paqarada che non sbaglia (2-0). Non è finita: passano due minuti e il Norimberga è in tilt completo e Daschner mette a segno il 3-0 che chiude il primo tempo (39').

Sembra tutto finito ma mai dire mai col St Pauli: in effetti al ritorno in campo il Norimberga accorcia subito le distanze lasciando intendere che ci sarà da soffrire fino alla fine (1' st Duah). Gli uomini di Schultz però resistono fino al recupero, nonostante la girandola di cambi: entra Zander in difesa per il greco Saliakas, il neo acquisto Fazliji per Dzwigala, Aremu per Smith e soprattutto in avanti Boukhalfa e Otto per Matanovic ed Eggstein. 

Al minuto 93 Enrico Valentini, nazionalità tedesca ma chiare origini italiane, trova il punto del 3-2: è troppo tardi però, per fortuna nostra, per riaprire i giochi. Va bene così, con sofferenza, che per il St Pauli non può mai mancare, portiamo a casa i 3 punti. La salvezza ora dista solo 37 lunghezze.

Cosa ci è piaciuto: il centrocampo, solido, filtro per la difesa e in costante pressione in avanti: non a caso entrambe le reti di movimento sono arrivate da due centrocampisti. È il reparto su cui fare affidamento e, non a caso, è quello che ha cambiato meno giocatori rispetto ad un anno fa. In attesa poi del rientro di Amnyido.

Cosa non va: la difesa innanzitutto. Due gol subiti tanto per iniziare e per mantenere la media dello scorso campionato. Bisognerà lavorare di più: il St Pauli non è capace di sigillare le partite, può subire gol in ogni momento e ad ogni azione. In attesa del rientro di Nemeth. E poi l'attacco: Eggstein è ancora a secco di gol, Matanovic può e deve incidere di più: le riserve Otto e Boukhalfa sono troppo inconcludenti.

3:2 Valentini (90. +3)


FC St. Pauli: Smarsch - Saliakas (80. Zander), Dzwigala (90.+1 Fazliji), Medic, Paqarada - Smith (90.+1 Aremu) - Irvine, Hartel - Daschner - Matanovic (71. Boukhalfa), J. Eggestein (71. D. Otto) 
1.FC Nürnberg: Mathenia - Gyamerah (82. Valentini), C. Schindler, Sörensen (66. F. Hübner), Handwerker - Tempelmann, Nürnberger - Duman (46. Wekesser), Möller Daehli (72. Wintzheimer) - Duah (82. Shuranov), Daferner 
Zuschauer: 28582